USA: 15 miliardi di tasse dalla cannabis in 9 anni

In Notizie su Cannabis Legale e CBD 0 commenti

Come confermato dal nuovo report dell'organizzazione Marijuana Policy Project (MPP), dal 2014: anno in cui è partita la vendita di cannabis autorizzata in Colorado e nello Stato di Washington, le tasse derivanti dal mercato regolamentato hanno superato i 15 miliardi di dollari.

USA 15 mliardi tasse cannabis

Cannabis in USA: 15 miliardi di dollari di tasse

“Questi nuovi flussi di entrate stanno contribuendo a finanziare servizi e programmi sociali cruciali in tutto il Paese, come l’istruzione, il trattamento dell’alcol e della droga, i servizi per i veterani, la formazione professionale e il reinvestimento nelle comunità che sono state colpite in modo sproporzionato dalla guerra alla cannabis”, ha dichiarato al Marijuana Moment Toi Hutchinson: Presidente e CEO di MPP. 

I vantaggi derivanti dalla regolamentazione della cannabis infatti vanno ben oltre il fattore economico. I cittadini sono i primi beneficiari di questa manovra, che, con la legalizzazione, non sono più criminalizzati ingiustamente, hanno più possibilità lavorative: sono 100mila le nuove occupazioni stimate per il 2023 nel settore della cannabis americano, e, come confermato da Hutchinson, i soldi dell'industria verde sostengono tante iniziative socialmente utili.

Soldi che farebbero molto comodo anche nella nostra penisola. Infatti, secondo alcune stime, la legalizzazione della cannabis in Italia varrebbe un gettito fiscale di circa 6 miliardi di euro. 

| Per approfondire: "10 miliardi di euro l'anno, il valore della legalizzazione in Italia"

USA: calano le entrate derivanti dalla cannabis

Tuttavia, sebbene il numero di Stati che preferisce la regolamentazione alla proibizione cresce costantemente, il 2022 è stato il primo anno in cui le entrate fiscali sono diminuite rispetto all’anno precedente. Dagli oltre 3,86 miliardi del 2021 ai 3,77 miliardi registrati nel 2022. Ma perché?

Le motivazioni principali sono due: 

  • I dispensari autorizzati hanno (ovviamente) dei costi di mantenimento più alti rispetto al mercato nero, che, non essendo tassato, può garantire prodotti a prezzi più bassi. Motivo per cui i consumatori, per risparmiare, spesso scelgono il traffico illecito
  • Gli Stati con leggi più “mature” hanno registrato un gettito fiscale minore rispetto agli Stati con leggi più “giovani”, con entrate in aumento rispetto agli anni precedenti

Questo dimostra che, contrariamente alle tesi proibizioniste, la legalizzazione della cannabis non fa aumentare il consumo di cannabis, anzi, potrebbe addirittura ridurlo. 

Articoli Correlati